martedì 30 agosto 2011

Ma perchè?

Serata così, senza nulla di particolare. Eppure c'è questo filo di malinconia che non se ne vuole andare. Mi dico che vorrei essere diversa, ma sono quella che sono: è una banalità, ma a volte le banalità non sono altro che la nostra vita quotidiana. Qualche volta mi sento un po' l'esempio perfetto della Legge di Murphy, quella della fetta di pane che cade sempre dalla parte imburrata, ma pare che in realtà sia una legge fisica e la sfortuna abbia poco a che fare con ciò. E' che mi sembra che dove butto l'occhio io vada tutto a rotoli.... Hai voglia a dire che magari da un fatto negativo ne consegue uno decisamente positivo e inaspettato, ma son sempre qui ad aspettarlo.... Meglio prendere un libro e finire la serata sul divano, va'

2 commenti:

  1. coraggio, è solo un pò di malinconia, poi passa e torna il sereno. Detto da me, magari, fa un pò ridere perchè anch'io tendo a vedere spesso tutto nero e sono inguaribilmente critica - anzi spietata - nei miei confronti. Ma, quando si affaccia un barlume di lucidità mi chiedo: non è che chiedo troppo da me stessa? Perchè noi donne dobbiamo sempre e costantemente metterci alla gogna? Non lo fanno già abbastanza i signori maschietti/mariti/compagni?

    RispondiElimina
  2. Grazie Raffaella, hai ragione...

    RispondiElimina