giovedì 25 ottobre 2012

De gustibus....

Con due figlie in casa, spesso e volentieri ci si imbatte in vari tipi di "fidanzati" (le virgolette sono d'obbligo, almeno finchè non arriverà quello ufficiale!). Alcuni sono di passaggio veloce, alcuni li ho visti solo in foto, ma alcuni, per vari motivi, sono passati (e si sono fermati) in casa.
Ovviamente sui gusti non si discute, ma la casistica è quantomeno interessante....Mi soffermo su tre personaggi, in ordine cronologico.
Il primo è stato il classico "grande amore", quello dei mille sms al giorno, quello sempre qui, tutte le sere.... ad occupare il divano.... a scegliere i programmi tv....A piccole dosi era anche simpatico, onnipresente un po' meno: l'uso smodato delle frasi che iniziavano con "mia mamma...." alla lunga diventava irritante e quando finalmente (dopo un anno e mezzo) la fanciulla l'ha lasciato, direi che un certo sollievo (va bene, un urlo di gioia) da parte di tutti c'è stato.
Una vacanza estiva al mare ha portato come regalo nelle vacanze natalizie il romano: io amo gli accenti regionali, ma mi pareva di avere per casa Totti. Per di più era terrorizzato dal cane (ma chi ha paura di un labrador??), così se ne stava rintanato al piano superiore e quando scendeva per mangiare dovevamo rinchiudere il cane (che guardava tutti con aria tra l'interrogativo e il depresso) in un'altra stanza...
Poteva mancare il metallaro? Capelli lunghi fino a metà schiena, pizzetto, serie infinita di orecchini, cintura e bracciali borchiati, catene, collane con simboli vari..... e il primo oggetto che ha estratto dalla borsa è stata una piastra per i capelli!!Della serie: ma che fine hanno fatto gli uomini di una volta? a onor di cronaca, devo dire che questo è stato il più educato, gentile e collaborativo (si rifaceva il letto, si offriva di aiutarmi) di tutti.
In attesa che mi venga presentato il prossimo....

2 commenti:

  1. Vuoi fare cambio con le fidanzate del grande? Già sai!

    RispondiElimina
  2. Del tipo.... a ognuno la sua croce?

    RispondiElimina